della Domenica
Spettacoli

Louis Siciliano cambia identità artistica facendosi Aluei

Nel dialogo tra strumenti antichi e nuove tecnologie nasce “One Vibration”

- 16 settembre 2013 17:29 fonte ilVelino/AGV NEWS Roma
Louis Siciliano cambia identità artistica facendosi Aluei

“Crisi in cinese significa opportunità. Da qui sono partito per osare qualcosa di non omologato al mercato, perché credo che l’innovazione e le proposte artistiche siano fondamentali per uscire dallo stallo in cui oggi si trova l’Occidente”. Il musicista Louis Siciliano, napoletano classe 1975, autore di tante colonne sonore per film, da oggi è Aluei. “A – spiega - è la vocale del chakra del Cuore. L è la prima lettera della parola LUCE. U è la vocale del chakra della Radice. E è la vocale del chakra del Terzo Occhio, dell’Intuizione. I è la vocale del chakra che ci connette alla Grande Anima dell’Universo, al Trascendente”. L’artista si è isolato nella campagna umbra, a Calvi dell’Umbria, nello studio di Pasquale Minieri, e ha messo in dialogo strumenti molto arcaici, millenari, con strumenti cibernetici a touchscreen. “In questo modo ho dato vita al nuovo progetto ‘One Vibration’, questo il nome del doppio album – racconta il nuovo Aluei -. L’ho registrato suonando in completa solitudine antichi strumenti musicali tradizionali (ney, oud, chitarra battente, duduk, buzuk, tammorra ndr) e gli ultimi derivati dalla tecnologia come la Misa–Kitara, lo Zen Drum, l’Ewi e perfino l’I–Pad. Due ore di musica che raccontano la visione dell’esistenza di Aluei, un vero e proprio viaggio nel Multiverso in cerca di captare le molteplici vibrazioni che si riconnettono alla Matrice Universale, al Logos, all’Unica Vibrazione, ‘One Vibration’, appunto. In una specie di ipnosi regressiva, dove il suono è medicina per anima e corpo, mi sono rilassato ed abbandonato in un viaggio di note, collegato al ciclo del tempo che scorre, dall’alba a notte fonda”. Quest’inverno partirà la tournèe mondiale sponsorizzata dalla Rebel Alliance di Dubai, specializzata in alta tecnologia. “Sarò da solo sul palco con 50 strumenti, antichi e moderni – anticipa il musicista -, ed il pubblico sarà dotato di sensori in grado di trasformare il calore dei corpi in colori per una scenografia avvolgente creata, quindi, dagli spettatori”. L’anteprima del tour è stata in Austria, nell’ambito dell’Ars Electronica Festival di Linz, ed ha riscosso molto successo.

AGV NEWS

Altri articoli di Spettacoli