Questa mattina a Torino in occasione della commemorazione della giornata mondiale contro il razzismo si è svolta la conferenza europea “Il razzismo in Europa e in Italia". L'evento è organizzato da CIE con il patrocinio e il sostegno del Comune di Torino in collaborazione con UNAR, l’Ufficio Nazionale Anti-discriminazioni Razziali del Dipartimento pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri. In quest'occasione oltre ai dati dello Shadow Report 2013 dell'ENAR sono stati presentati quelli dell'Unar, circa 1400 casi. Di questi quasi un migliaio riguardano la discriminazione a sfondo etnico - razziale di cui il 34% nel settore dei Media e il 30 nel settore Servizi e Vita di relazione . 'Anche il linguaggio ha la sua importanza nel veicolare pregiudizi e stereotipi che sono alla base del razzismo ' - dichiara Marco De Giorgi direttore dell'Unar-'per questo anche con carta di Roma facciamo un monitoraggio continuo dei media e dei social network che sono la frontiera più difficile per la pervasività delle comunicazioni su internet'. Alla conferenza oltre a Fassino, Martina e Shulz è intervenuta anche l'ex ministro Cecile Kyenge che ha dichiarato 'è importante che si proceda quanto prima alla approvazione del Piano triennale contro razzismo e xenofobia che mette ben a fuoco i temi emergenti come quello delle seconde generazioni.