Sia in Umbria che in Veneto continuano i lavori per l’adozione di una legge regionale in materia di gaming e contrasto al Gioco d’azzardo patologico (Gap). Nel primo caso sono già stati unificati nel passaggio in commissione Sanità in un unico provvedimento gli ultimi tre disegni di legge che chiedono misure a contrasto appunto della ludopatia, che erano state presentate da Sandra Monacelli (Udc), Oliviero Dottorini (Idv) e Franco Zaffini (Fdi). Nel secondo, i lavori riprenderanno giovedì prossimo quando sempre la commissione Sanità tornerà a esaminare i cinque progetti di legge relativi al contrasto e alla prevenzione della diffusione del gioco d'azzardo sul territorio.