“Oggi sono al fianco degli animalisti nella protesta contro la realizzazione, ormai purtroppo ultimata, di 121 box nell’area di Villa Borghese a Roma, un vero e proprio scempio che lede il benessere degli animali, in primis, ma anche e non secondariamente, Roma e i suoi abitanti”. Lo dichiara la deputata M5S Chiara Gagnarli, che qualche settimana fa ha interrogato i ministri Franceschini e Galletti relativamente alla costruzione dell’imponente scuderia nel cuore della Capitale, che appare tutt’altro che una soluzione temporanea per il ricovero dei cavalli dei 38 vetturini che ancora operano per le strade romane. “Garantire il benessere degli animali – prosegue la deputata penstastellata - non può essere una questione marginale in un paese civile, poiché le conseguenze del disinteresse di uno Stato nei confronti della salute animale ricadono inevitabilmente sull'ambiente, sul paesaggio e, nel caso specifico, anche sulle tasche dei cittadini romani. Le botticelle – conclude la Gagnarli - sono un mezzo ormai obsoleto e, se proprio se vogliono far continuare ad esistere, dovrebbero essere circoscritte ad aree verdi all'interno dei parchi pubblici garantendo realmente e costantemente la tutela dei cavalli, e soprattutto non certo sbancando una delle colline storiche della capitale... a un prezzo così alto per i cittadini”.