Sono sbarcati, questa mattina, al porto di Palermo circa 800 immigrati soccorsi al largo delle coste della Libia nei giorni scorsi. Sono di nazionalità eritrea, sudanese, siriana, etiope e bengalese. I migranti sono stati accolti dalla task force organizzata dalla prefettura e che vede coinvolti i sanitari dell’Asp di Palermo, della Croce Rossa, i volontari della Caritas e le forze dell’ordine. Ora verranno trasferiti nei centri autorizzati dalla prefettura e poi inviati nei centri di prima accoglienza nelle regioni italiane. Poco dopo, a bordo della nave militare irlandese "Le Niamh" sono giunti, nel ragusano a Pozzallo, 468 migranti. Tra loro anche sette donne in gravidanza. A bordo non sono state rilevate altre situazioni di emergenza. Venerdì sono stati tratti in salvo complessivamente 460 migranti al termine di due operazioni di soccorso coordinate dalla Centrale operativa della Guardia costiera a Roma del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. In particolare, la motovedetta CP322 della Guardia costiera di Lampedusa ha salvato 103 persone che navigavano in difficoltà a bordo di un gommone; altri 357 migranti a bordo di un barcone sono stati raggiunti e tratti in salvo dalla nave irlandese Le Niamh, inserita nel dispositivo Triton.