Grazie a un’eccellente sinergia tra gli organi investigativi della Polizia di Stato della Questura e del Comando Provinciale dei Carabinieri di Roma, questa notte, è stato catturato in Olanda Simone Falasca, romano di 41anni, sul quale pendevano 5 mandati di arresto europei, emessi dalla corte d’Appello di Roma, per diversi reati, dall’estorsione al traffico di stupefacenti. I Carabinieri della Sezione Catturandi del Nucleo Investigativo di Roma erano da tempo sulle sue tracce come, alla pari, gli agenti della Sezione Catturandi della Questura di Roma - e per questo l’indagato era stato inserito nel programma di ricerca wanted 2016 - svolgendo indagini congiunte volte alla sua cattura. La complessa attività investigativa della Polizia di Stato ha avuto inizio il 7 luglio scorso quando nel corso di una perquisizione domiciliare eseguita da personale della squadra Mobile di Roma presso una delle abitazioni di proprietà del Falasca è stata rinvenuta e sequestrata una pistola semiautomatica Beretta calibro 9, munizioni, una ricetrasmittente scanner, un lampeggiante del tipo utilizzato dalle Forze dell’Ordine, numerosi inneschi per cartucce di pistola, 3 maschere di cartone di colore bianco, integrali con soltanto i fori all’altezza degli occhi. Tutto materiale probabilmente utilizzato per commettere rapine. Nell’occasione è stato arrestato in flagranza di reato un cittadino romeno complice di Falasca. L’uomo, localizzato da entrambe le squadre investigative in Olanda, era stato quindi segnalato agli uffici dell’Interpol che hanno così potuto coordinare, questa notte, l’intervento della polizia olandese a Leiden (Olanda). L’uomo al momento dell’arresto non ha opposto resistenza ed è stato condotto in carcere in attesa delle procedure di estradizione che lo riporteranno in Italia.