Prosegue l’impegno della Difesa a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma. Il bypass al ponte "Tre Occhi" - oltre al ripristino della normale viabilità dopo la chiusura del ponte sulla strada regionale 260 - permetterà ai mezzi pesanti di portare via le macerie, attività indispensabile per avviare i futuri lavori di ricostruzione. In particolare i militari del Genio, dopo aver rafforzato l'alveo del fiume, hanno effettuato tutte le opere necessarie per sistemare il piano di accesso al ponte e di raccordo del bypass. Durante la cerimonia di inaugurazione, un commosso sindaco di Amatrice, ringraziando l'impegno di tutte le Forze armate (Esercito, Aeronautica, Marina, Carabinieri) ha detto: "Grazie, grazie di cuore al grande Esercito italiano, conserverò questa bandiera simbolo della rinascita". Un centinaio i militari impiegati nell'opera, 24 ore su 24, che hanno utilizzato numerosi veicoli tra cui mezzi di trasporto, autogru, escavatori ed anche una terna (macchina di movimento terra). I lavori sono stati effettuati in sinergia con Protezione Civile, Vigili del Fuoco e l'Azienda Strade Lazio (Astral). Sul campo attualmente ci sono 1.358 militari, un forte impegno che vede le migliori capacità delle Forze armate al servizio dei cittadini come sottolineato dal Libro Bianco del Governo.