La Svezia prevede di migliorare le misure per l'invio dei migranti a cui non è stato concesso lo status di asilo ai paesi d'origine e di introdurre le ispezioni dei luoghi di lavoro nel tentativo di rintracciare i migranti senza documenti. Lo ha detto il ministro dell'Interno Anders Ygeman. "I datori di lavoro, che utilizzano sistematicamente il lavoro di persone a cui non è stato concesso asilo nel paese possono essere puniti con una multa o una pena detentiva di un anno", ha detto Ygeman in una conferenza stampa a Stoccolma. Il governo prevede anche di prendere le impronte digitali delle persone a cui è stato negato lo status di asilo in Svezia e di rafforzare la cooperazione tra gli organismi preposti all'applicazione della legge e le autorità di migrazione per la lotta contro l'immigrazione clandestina. Se il Parlamento dovesse approvare tali misure, queste entreranno in vigore nel 2018. Secondo il ministro, il numero di rifugiati che sono volontariamente ritornati ai loro paesi d'origine è aumentata nel corso dell'anno.

Sweden plan to enhance measures to send migrants who were not granted asylum status in the country back to their home countries and to introduce inspections of workplaces in a bid to track down undocumented migrants, Interior Minister Anders Ygeman said Thursday. "Employers, who systematically use work of people who were not granted asylum in the country may be punished by a ban from running businesses, as well as a fine or a one-year prison sentence," Ygeman said at a press conference in Stockholm. The government also plans to take fingerprints of those denied asylum status in Sweden and to strengthen cooperation between the law enforcement bodies and migration authorities to fight illegal migration. If the parliament approves the measures, they will take effect in 2018. According to the minister, the number of refugees who voluntarily returned to their home countries has increased over the recent year. At least 2,500 refuges came back to Iraq, while 700 returned to Afghanistan. The minister cited cash benefits as the reason for refuges' decision to return. Iraq and Afghanistan are among countries where refuges can be granted benefits worth about $9,000 from the Swedish authorities if they go back home willingly. According to migration services, around 12,000 refugees who have been denied asylum in Sweden are currently staying in the Nordic country.