Il sindaco di Calais nel nord della Francia, sede del famigerato campo profughi "The Jungle", ha intenzione di sospendere la costruzione del muro che impedirebbe ai profughi di salire a bordo dei trucks bound per il Regno Unito. “Il governo non ha risposto alla mia richiesta di non costruire il muro e la città di Calais ha registrato una serie di violazioni di regolamenti ambientali e urbanistici da parte della società responsabile del muro. Se non c'è risposta entro otto giorni ordinerò di bloccare la costruzione", ha detto il primo cittadino Natacha Bouchart nel suo blog di Facebook. Il Regno Unito prevede di costruire il muro lungo la tangenziale che conduce al porto per fermare i migranti che tentano di raggiungere la Gran Bretagna. Il ministro dell'Interno francese Bernard Cazeneuve aveva invece annunciato i suoi piani di smantellare completamente il campo improvvisato a Calais entro la fine del 2016.

The mayor of Calais, a city in northern France and home to an infamous refugee camp "The Jungle," said Thursday that she wants to suspend the construction of the wall that would prevent refugees from boarding the trucks bound for the United Kingdom. "While the government has not responded to my demand not to build the wall, this Thursday, September 22, the city of Calais registered a number of violations of ecology and city planning regulations by the company responsible for the [wall] construction. If there is no response within eight days, I will order a stop to the construction," Natacha Bouchart said in her Facebook blog. The United Kingdom plans to build a 13-foot-high wall along the beltway leading to the port to stop migrants attempting to reach Britain because of family ties, language and job opportunities there. French Interior Minister Bernard Cazeneuve announced his plans to fully dismantle the makeshift camp in Calais by the end of 2016, sending migrants to other camps spread out across France and helping those eligible to move to the United Kingdom to go there.