Via libera in Conferenza Stato-Regioni al riparto del Fondo da 50 milioni per garantire interventi di prevenzione, cura e riabilitazione per le persone affette da Gioco d’azzardo patologico. Le Regioni hanno espresso parere favorevole al decreto del ministero della Salute che assegna il Fondo contro la ludopatia previsto dalla Legge di Stabilità 2016. Nel dettaglio queste dovrebbero essere le cifre – assegnate seguendo il criterio della quota d’accesso - destinate alle singole Regioni: 8,2 milioni alla Lombardia; 4,8 al Lazio; 4,6 mln alla Campania; 4,1 milioni alla Sicilia; 4 milioni alla Veneto; 3,7 milioni al Piemonte; 3,7 all’Emilia Romagna, 3,3 alla Puglia; circa 3,1 milioni alla Toscana, 1,6 milioni alla Calabria; 1,3 alla Liguria; 1,3 alla Sardegna; 1,2 alle Marche; 1,1 mln all’Abruzzo, un mln al Friuli Venezia Giulia, 751 mila euro all’Umbria; 474 mila euro alla Basilicata; 261 mila euro al Molise; 106 mila euro alla Valle D’Aosta e infine 416 mila euro alla Provincia di Bolzano e 438 mila a quella di Trento. Per il sottosegretario del Ministero della Salute Vito De Filippo si tratta di un primo passo per la prevenzione e la cura e “fa ben sperare per il controllo del fenomeno del gioco d'azzardo patologico nei prossimi anni”. Per De Filippo molto importante anche che il Gap “sia stato inserito nei Lea perché così si pone una attenzione più alta al fenomeno”.