“Il nuovo assessore al Bilancio del Comune di Roma, Andrea Mazzillo, "non è un ripiego: lo abbiamo scelto perché ha le competenze che servono: è un esperto di finanza locale, docente a contratto all'università di Tor Vergata. Ed è iscritto da anni al M5s: condivide i nostri metodi e i nostri obiettivi”. Lo ha precisato la sindaca di Roma, Virginia Raggi, in un'intervista pubblicata oggi dal Fatto Quotidiano. Raggi è tornata anche sul caso dell'assessore all'Ambiente indagata dalla magistratura, Paola Muraro, sottolineando che “vale quello che abbiamo sempre detto: aspettiamo di leggere le carte, e poi non faremo sconti a nessuno". Circa l'opportunità di dichiarare subito che Muraro fosse indagata, "alla luce di quanto accaduto dopo, lo farei", ha evidenziato la prima cittadina. "Scegliemmo di aspettare perché prima volevamo capire esattamente per cosa fosse indagata”. Raggi è tornata anche su Mafia Capitale, che al di là della personalizzazione su Buzzi e Carminati, rappresenta “un parametro della malagestione che ha devastato Roma. E noi dobbiamo stare molto attenti perché rischia di perpetuarsi. Non deve succedere”. La sindaca ha parlato anche dell'assessore alle Partecipate, Massimo Colomban, spiegando che "il suo nome è arrivato dall'interno del M5S. Ci ha colpito per la voglia di lavorare in squadra e la sua visione uguale alla nostra". Di Raffaele Marra, ex vicecapo di gabinetto ora responsabile delle Risorse umane, ha aggiunto che "probabilmente non tutti hanno apprezzato il suo lavoro. Per quanto mi riguarda, Marra è un dirigente pubblico, e lo ho allocato nella posizione che ritengo più funzionale”. Raggi ha poi denunciato che “nei Municipi sono spariti subito dei faldoni, delle carte. Me lo hanno detto i nostri presidenti”.