Il 9 ottobre torna Domenica di Carta, l'apertura straordinaria delle Biblioteche e degli Archivi statali, promossa dal ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo, guidato da Dario Franceschini, per valorizzare non solo i musei e le aree archeologiche, ma anche il patrimonio di “carta” conservato e valorizzato nei nostri splendidi luoghi della cultura. Spettacoli, reading, mostre, conferenze, concerti, videoproiezioni, degustazioni e visite guidate: le biblioteche e gli archivi statali aprono le porte per far conoscere ed apprezzare il patrimonio conservato, anche quello meno conosciuto. Dalla Biblioteca Vallicelliana di Roma all’Archivio Stato di Trieste, dalla Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze all’Archivio di Stato di Milano, dalla Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia a quella Braidense di Milano e ancora dalla Biblioteca Statale Oratoriana dei Girolamini a Napoli all’Archivio di Stato di Matera: un percorso affascinante alla scoperta della memoria e del sapere conservato in libri, documenti, fotografie, stampe, disegni conservati nelle più belle biblioteche storiche. “L’Italia ha un patrimonio enorme e unico al mondo di biblioteche storiche e monumentali di una bellezza straordinaria. Le iniziative che vanno in questa direzione permettono di riscoprire questi luoghi di tutela della memoria, anche sotto una luce nuova perché si tratta di luoghi vivi ed evocativi” ha dichiarato il ministro dei Beni Culturali e del Turismo, Dario Franceschini.