Lo spot realizzato sul referendum costituzionale "è conforme alle leggi vigenti e quindi non si ritiene che debba essere ritirato perché è semplicemente uno strumento di informazione per i cittadini". Lo ha annunciato il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi rispondendo a una interrogazione alla Camera nel corso del Question time. "Lo spot che è in onda dall'8 ottobre sugli spazi gratuiti presenti nelle reti televisive della Rai - ha spiegato Boschi -- è uno degli spot che la Presidenza del Consiglio dei ministri ha predisposto per informare i cittadini che, con lo spot, vengono informati sulla data del voto, il 4 dicembre, e poi si dà lettura del quesito. Quindi lo spot si limita a dare lettura del quesito referendario senza esprimere alcuna valutazione di merito, senza descrivere gli effetti della riforma ma semplicemente dando lettura del contenuto, che non è stato imposto dal governo ma è stato ammesso dalla Corte di Cassazione". E proprio il titolo della legge, "è stato oggetto di dibattito in Parlamento e poteva essere modificato se lo stesso Parlamento avesse ritenuto di dover modificare il titolo della legge. Lo spot si conclude con l'invito ai cittadini a recarsi a votare".