I finanzieri di Punta Raisi (Pa), insieme ai funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno sequestrato 119 creme nocive per la salute a una donna di origine nigeriana, che aveva invano tentato di occultare all’interno dei propri bagagli. Dall'esame è stato possibile stabilire che si trattava di creme a base di corticosteroidi, utilizzate nei paesi africani e asiatici per lo schiarimento del colore della pelle. All’interno delle stesse, già sequestrate in altri aeroporti italiani, è stata rilevata la presenza di quantitativi non trascurabili di piombo, cromo, nichel, acido salicinico e perossido di idrogeno. Pertanto, l’utilizzo esclusivo o insieme ad altri prodotti espone i consumatori a rischi per la salute, dalle più banali irritazioni cutanee a ben più gravi patologie, tra cui quello di tumori della pelle. Dopo le operazioni in aeroporto e su disposizione della Procura della Repubblica di Palermo, le Fiamme Gialle hanno perquisito l’esercizio commerciale di cui la donna risulta essere titolare. Qui è stato possibile rinvenire altre 139 confezioni di creme della stessa specie e 577 cosmetici scaduti, privi delle indicazioni minime previste dalla normativa europea, anche questi, quindi, potenzialmente nocivi per i consumatori. Tutti i prodotti e le creme sono stati sequestrati, mentre la donna è stata denunciata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo per commercio di medicinali senza autorizzazione e di cosmetici pericolosi per la salute.