"La battaglia per l'italiano è una battaglia di tutti e dobbiamo vincerla insieme". Lo ha detto il premier Matteo Renzi intervenendo agli Stati generali della lingua italiana a Firenze. Nella legge di stabilità c"isono misure a favore delle scuole all'estero  - ha sottolineato il premier - e tutti coloro che studiano italiano all'estero"." Qui sta la scommessa dell'Italia dei prossimi anni. Serve una gigantesca scommessa culturale sul made in Italy, sull'Italia nel mondo. Un paese che non nega le difficoltà al proprio interno ma tenta di affrontarli in una cornice nella quale l'Italia sia nelle condizioni di essere elemento di attrazione". "La scommessa sulla diffusione della lingua e della cultura italiana - ha dichiarato Renzi - deve essere inserita in una cornice, che tenga insieme le grandi aziende, le grandi realtà cinematografiche, le grandi realtà della cultura e della comunicazione". "Per tutti questi motivi il governo c'è. Tocca innanzitutto alla Rai, come principale player educativo e culturale del Paese", concretizzare questo obiettivo, "ma tocca anche a ciascuno di noi. Il mondo ha bisogno di bellezza e qualità, per questo il mondo chiama l'Italia"