Pd contro pd. Napoli oggi si è trasformata in un ring e ha visto sfidarsi, alla stessa ora e a pochi metri di distanza: da un lato Pierluigi Bersani presso gli studi Filosofici, dall’altro Matteo Orfini, presidente del Pd nazionale, a piazza Trieste e Trento, entrambi hanno partecipato a due appuntamenti sul tema Referendum, il primo a sostegno del ‘no’, il secondo del ‘si’. "Io non ho mai cambiato idea fin dal primo giorno ho pensato che l'Italicum era un disastro che andava rottamato. C'era tutto il tempo per cambiarlo e non e' stato cambiato. “Non va bene il combinato tra Italicum e riforma costituzionale – ha dichiarato l’ex segretario democrat - perché ci porterà ad un cambiamento radicale della forma di governo". Parole chiare dunque per Bersani per il quale: "O si rottama l'Italicum o si ferma la riforma costituzionale, non si e' fermato l'Italicum, ora si fermi la riforma costituzionale. Ci sono tanti altri problemi, ma questo e' un problema di democrazia". “Almeno dai miei compagni di partito mi aspetterei il rispetto per le scelte che assumiamo insieme ha dichiarato Orfini –

abbiamo deciso tutti insieme di lavorare per cambiare l'Italicum istituendo un gruppo di lavoro”. “E’ necessario fidarsi e dargli il tempo di lavorare serenamente evitando diktat o sfiducie preventive”.