Prosegue anche per questa stagione la rassegna del teatro in lingua originale Inglese al Teatro San Genesio di Roma (nona edizione), che si inaugura con la rappresentazione in chiave moderna, della commedia sentimentale del XVIII secolo, “She stoops to conquer” di Oliver Goldsmith in scena dal 1 al 6 Novembre, rappresentata dalla compagnia filantropica di lingua inglese Plays in Rome/The Rome Savoyards. Commedia sentimentale del XVIII secolo, tra le più amate di tutti i tempi, “She Stoops to conquer” annovera numerose rappresentazioni teatrali e trasposizioni televisive di successo. Tra queste restano memorabili la versione televisiva della BBC del 1971 e la rappresentazione teatrale di Peter Hall del 1993 con un cast stellare. Celebre anche l’omonima rappresentazione lirica di George Alexander Macfarren, su libretto di Edward Fitzball. Lo “stile” adottato da Goldsmith in quest’opera è stato lungamente oggetto di discussione da parte del pubblico e tra i critici. Spesso descritta come commedia di maniere, l’opera contiene si comicità ma anche satira, elementi drammatici e temi senza tempo legati alla condizione umana, quali l’effettivo peso delle convenzioni sociali, la tutela dell’identità personale, la misura del compromesso e dei limiti che si è disposti a superare per il raggiungimento di uno scopo. In questa divertente opera, senza tempo, si intrecciano le vicende di due coppie di giovani. La prima coppia composta da Mr. Marlow, giovane timoroso con le donne di classe ma altrimenti noto libertino e Miss. Hardcastle, giovane donna di rango che divertita dalla timidezza del giovane di cui è innamorata, decide di fingersi umile e di trarlo così in inganno con il fine di conquistarlo. Fomenta questo equivoco la seconda coppia composta da Mr. Hastings, amico fraterno di Marlow e Miss. Neville, cugina di Miss. Hardcastle. Hastings e Neville sono a loro volta innamorati all’insaputa della temuta e rigida zia della giovane, la quale la vorrebbe invece in sposa al proprio figlio, Tony Lumpkin. Oggetto del contendere, a parte l’amore, sono anche dei preziosi gioielli nascosti, a turno, dai vari protagonisti, mescolando all’ilarità degli equivoci, il significativo e sempre attuale dualismo tra sentimenti e interesse. L’inganno sarà svelato, in seguito a divertenti colpi di scena, dimostrando che la dissimulazione non può prevalere sul valore dell’onestà.

Oliver Goldsmith, narratore, poeta e commediografo inglese/irlandese. Di modesta famiglia tentò senza successo la carriera ecclesiastica e in seguito gli studi giuridici e di medicina, che lasciò per viaggiare a piedi attraverso Francia, Germania, Svizzera e Italia, suonando il flauto per guadagnarsi da vivere e ottenendo, forse, la laurea in medicina presso qualcuna delle università da raggiunte. Rientrato a Londra nel 1756, fece il commesso, il medicastro, l'usciere, finché si risolse per la letteratura. Dopo traduzioni, articoli critici, saggi storici, nel 1759 pubblicò il suo primo lavoro, An Enquiry into the Present State of Polite Learning in Europe (Inchiesta sulle attuali condizioni della cultura in Europa). Nel 1766, pubblicò la sua opera più famosa, The Vicar of Wakefield. Ricollegandosi al romanzo sentimentale di Richardson, Goldsmith eresse definitivamente il sentimentalismo a norma di vita, a ideale di un tipo di umanità media, facendone un atteggiamento misto di bontà naturale e capacità di adattamento, d'ingenua semplicità e resistenza alle avversità, ben rappresentativo della borghesia inglese, che vi si riconobbe decretando il suo successo senza pari. Goldsmith scrisse in seguito per il teatro, con The Good-Natured Man, 1768, (L'uomo di buona indole) e She Stoops to Conquer, 1773, (Ella si umilia per conquistare). Inizialmente queste opere sconcertarono il pubblico per il loro dichiarato e polemico ritorno al vivace gioco di caratteri della commedia secentesca, ma in seguito ebbero un successo che, specialmente per la seconda, è andato rinnovandosi fino ai nostri giorni. Il successo non diede tuttavia la tranquillità economica a Goldsmith, che morì prematuramente per il duro lavoro cui si era sottoposto e per la sregolatezza di vita. Repliche: da martedì a venerdì ore 20,30; sabato e domenica ore 17,30. Teatro San Genesio, Via Podgora, 1 (Viale Mazzini).