Tre detenuti di nazionalità albanese sono evasi questa mattina poco dopo le 6 dal carcere romano di Rebibbia. La fuga sarebbe avvenuta nei pressi della garitta sul lato Tiburtina dove già in passato erano avvenute altre evasioni. I tre evasi, che si sarebbero calati dal muro di cinta del penitenziario calandosi con delle lenzuola e dei bastoni, erano reclusi nel reparto G9 del carcere, che accoglie i detenuti per reati comuni e i cosiddetti "precauzionali", ossia soggetti accusati di violenze sessuali o ex appartenenti alle forze dell'ordine che vanno tenuti separati da altri ristretti. I tre sono un ergastolano per omicidio, il secondo con un fine pena 2020 per estorsione e sfruttamento della prostituzione e un terzo con fine pena 2041 per tentato omicidio.