Duro colpo al clan Condello. Per ordine della Dda di Reggio Calabria, 26 persone sono finite in manette con l'accusa di associazione mafiosa, estorsione ed altri reati. Per il pm Giuseppe Lombardo, che insieme al procuratore capo Federico Cafiero de Raho, ha coordinato il lavoro del Ros dei Carabinieri, si tratta di capi, reggenti e gregari che hanno permesso al boss Domenico Condello di sfuggire alla cattura per oltre vent'anni. Nel corso dell'indagine, gli investigatori sono anche riusciti a ricostruire l'attuale organigramma del clan, come di altri gruppi satellite che operano in zona nord di Reggio Calabria. Sotto la lente degli investigatori, anche l'opprimente attività estorsiva che i clan esercitavano sul territorio. Elementi di dettaglio dell'operazione Sansone saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 11.00 odierne, presso il comando provinciale dei carabinieri di Reggio Calabria.