Carabinieri del N.A.S. di Bologna, nell’ambito dell’operazione “SAPORI D’AUTUNNO”, volta a verificare la corretta filiera dei prodotti alimentati tipici dei mesi autunnali, hanno ispezionato oltre 30 aziende delle province di Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, riscontrando irregolarità in 9 aziende. In particolare, per le gravi carenze igieniche riscontrate è stata disposta la sospensione di due attività commerciali (1 in provincia di Bologna ed 1 in provincia di Ravenna) e sequestrate circa 5 tonnellate di alimenti quali carni suine, carni bovine, selvaggina, salumi e formaggi, funghi e tartufi per un valore complessivo superiore a 300.000 euro. Sempre nella provincia di Ravenna sono stati sequestrati oltre 150 kg di tartufo e circa 2 tonnellate di spezie, salumi e carni, tutti prodotti stoccati presso due aziende, privi di tracciabilità o scaduti, in diversi casi, anche da anni. Infine, nelle province di Bologna e Forlì – Cesena, presso cinque aziende, i NAS hanno sottoposto a sequestro amministrativo circa 3000 confezioni di ragù e sughi a base di selvaggina, nei quali è stata rilevata la presenza di Piombo in misura eccessiva rispetto ai limiti consentiti dalla legge, 300 kg di carni di selvaggina, 300 kg di funghi porcini congelati e tartufi sott’olio e 800 kg di confetture e sughi a base di funghi, poiché privi di tracciabilità e aventi scadenza superata anche da diversi mesi. Le sanzioni amministrative elevate ammontano ad oltre 25 mila euro.