Ventitré persone, tra cui Alfio Marchini, sono indagate dalla Procura di Roma nell'inchiesta “scacco matto” che ha portato oggi a 13 perquisizioni della Guardia di Finanza presso società collegate alla Methorios Capital spa (azienda direttamente riconducibile all'ex candidato sindaco di Roma). Il reato contestato è quello di concorso in false comunicazioni sociali delle società quotate in ordine ai bilanci (consolidato e di esercizio) della Methorios chiusi al 31 dicembre del 2014 e del 2015. Marchini, in particolare, è sotto inchiesta per lo stesso reato riferito al bilancio, chiuso al dicembre 2015, della societa' Imvest spa. Gli indagati avrebbero condotto operazioni finanziarie sospette per importi rilevanti che hanno interessato la Banca Popolare di Vincenza e la Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio.