Al via in Messico “The Extraordinary Italian Taste, la prima Settimana della Cucina Italiana nel Mondo”. L'iniziativa è organizzata nel paese dalla nostra ambasciata a Città del Messico in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura, l’Agenzia ICE, la Camera di Commercio Italiana, l’Accademia della Cucina Italiana in Messico e la Società Dante Alighieri. SI tratta di un programma di iniziative volto a valorizzare il grande patrimonio enogastronomico italiano in Messico. Il programma di eventi, che si svolgeranno simultaneamente in tutto il mondo, è frutto delle sinergie tra la Farnesina, ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e ministero dell’Istruzione, Università e della Ricerca – che hanno di recente approvato il Protocollo d’Intesa per la Valorizzazione all’Estero della Cucina Italiana di Alta Qualità – e si colloca lungo la traiettoria tracciata da Expo Milano 2015. L’accento verrà infatti posto sulle priorità identificate dalla “Carta di Milano”, ovvero: qualità, sostenibilità, cultura, sicurezza alimentare, diritto al cibo, educazione, identità, territorio, biodiversità. In Messico verranno realizzate dal 21 al 27 novembre numerose iniziative che includono seminari scientifici, corsi di cucina con noti chef italiani, proiezioni di lungometraggi il cui tema centrale è la cucina italiana, partecipazione a fiere settoriali e molto altro ancora.

Parteciperanno inoltre all’iniziativa alcuni dei ristoratori del marchio “Ospitalità Italiana” presenti nel paese, attraverso dei menù speciali creati proprio in occasione della Settimana della Cucina. La Cucina è una componente essenziale dell’identità e della cultura italiana, nonché uno dei segni distintivi del Marchio Italia in tutto il mondo. Leader in Europa per prodotti di qualità certificata (280 food e 203 wine), primo produttore al mondo di vino nel 2015, con un settore agro-alimentare che vale più di 36 miliardi di euro di solo export, l’Italia è da sempre leader mondiale nell’enogastronomia. Anche in Messico l’interesse per la cucina italiana è in costante crescita: nella prima metà del 2016 le esportazioni di prodotti italiani sono infatti cresciute di oltre il 12%. Italia e Messico condividono una antica tradizione culinaria, che valorizza i prodotti di qualità, legati al territorio, e in entrambi i Paesi si sta diffondendo una sempre maggiore consapevolezza che mangiare bene corrisponde a vivere sano. E, come dice Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, “è a partire dal cibo che si cambia il mondo, e si migliora l’ambiente, la salute, la qualità della vita di tutti”.