Avrebbe simulato un sequestro di persona per ottenere soldi dalla propria famiglia: con questa accusa Lapo Elkann sarebbe stato arrestato e poi rilasciato dalla polizia a New York. Lo riportano le edizioni online del New Yourk Daily News e del Daily Beast. Secondo le ricostruzioni dei due quotidiani americani, Elkann sarebbe arrivato a New York giovedì 24 novembre per il Giorno del Ringraziamento. Il nipote di Gianni Agnelli avrebbe passato due giorni in un festino a basedi droga con un escort transgender. Quest’ultimo avrebbe pagato parte dello stupefacente dal momento che Elkann avrebbe finito i soldi. Lapo avrebbe quindi contattato la sua famiglia dicendo di essere stato trattenuto contro la propria volontà e che ci sarebbero voluti 10 mila dollari per risolvere la questione. Un rappresentante della famiglia si sarebbe presentato all’appuntamento per pagare il riscatto insieme alla polizia americana, che ha fatto scattare la trappola. Secondo i due quotidiani statunitensi, gli investigatori avrebbero arrestato sia Lapo che il transgender. La posizione di quest’ultimo sarebbe subito stata chiarita e l’uomo è stato rilasciato. Quanto ad Elkann, è stato rilasciato ma gli sarebbe stata consegnata una citazione a comparire in tribunale.