L’Unione europea ha deciso di non liquidare all’Italia (tramite l’Agea, l’agenzia per le erogazioni in agricoltura) i conti del Psr Feasr 2007/2013 per un totale di un miliardo e 700milioni di euro. Molti paesi cui sono stati contestati i fondi dello Sviluppo rurale, ma nessuno come l’Italia. Peggiore della classe. In pratica no riusciamo a spendere i soldi dell’Unione europea.

La decisione che ha portato Bruxelles a stralciare i conti dell’organismo pagatore IT01 (AGEA) è dovuta – da quanto apprende AGRICOLAE – che riporta a piè di pagina i link e al sito dell’Agenzia www.agricolae.eu i documenti integrali ed originali - per la presenza di problemi di conformità e ritardi nell’attuazione di un piano d’azione volto ad ovviare alle carenze nei controlli essenziali sul rispetto dei criteri di riconoscimento. In pratica i conti FEASR dell’organismo pagatore IT26 (ARCEA) sono stralciati per la presenza di “errori rilevanti”. Il saldo finale dei programmi 2007IT06RAT001, 2007IT06RPO001, 2007IT06RPO004, 2007IT06RPO005, 2007IT06RPO006, 2007IT06RPO008, 2007IT06RPO012, 2007IT06RPO013, 2007IT06RPO015, 2007IT06RPO016, 2007IT06RPO017, 2007IT06RPO019, 2007IT06RPO020 e 2007IT06RPO021 del FEASR 2007-2013 dell’organismo pagatore IT01 (AGEA) – si legge a pagina 13 dell’allegato di sintesi della Commissione – non ha potuto essere pagato in quanto i conti annuali del FEASR per l’ultimo esercizio di attuazione (16.10.2014-31.12.2015) non sono stati liquidati. E non solo: non è stato liquidato neppure il saldo finale del programma 2007IT06RPO018 del FEASR 2007-2013 dell’organismo pagatore IT26 (ARCEA).

In pratica i conti dell’organismo pagatore IT01 (AGEA) sono stralciati per la presenza di problemi di conformità e ritardi nell’attuazione di un piano d’azione volto ad ovviare alle carenze nei controlli essenziali sul rispetto dei criteri di riconoscimento” (in questo caso si parla di criteri di riconoscimento dello status di Organismo Pagatore).

Analoga situazione per l’Organismo Pagatore della Calabria “ARCEA” per un importo di Euro 174.500.000 ca. (di fatto ARCEA è un’appendice di AGEA).

I conti dell’organismo pagatore IT01 (AGEA) sono stralciati per la presenza di problemi di conformità e ritardi nell’attuazione di un piano d’azione volto ad ovviare alle carenze nei controlli essenziali sul rispetto dei criteri di riconoscimento. Mentre i conti FEASR dell’organismo pagatore IT26 (ARCEA) sono stralciati per la presenza di errori rilevanti.

I conti del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) sono liquidati ogni anno con procedura contabile prevista dall’articolo 51 del regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio e dall’articolo 30 del regolamento di esecuzione (UE) n. 908/2014 della Commissione.

A norma dell’articolo 37 del regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’articolo 41 del regolamento delegato (UE) n. 907/2014 della Commissione e dell’articolo 71 del regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, nell’ultimo esercizio di attuazione i conti annuali devono essere presentati alla Commissione entro i sei mesi successivi al termine ultimo di ammissibilità di cui all’articolo 65, paragrafo 2, del regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, e riguardano le spese effettuate dall’organismo pagatore riconosciuto fino al termine ultimo di ammissibilità delle spese (31.12.2015).

Il calcolo e il pagamento del saldo finale di ciascun programma FEASR è effettuato in base ai conti annuali per tutti gli esercizi finanziari successivi (2007-2015) e alle corrispondenti decisioni di liquidazione dei conti. In alcuni casi, i conti annuali dell’ultimo esercizio di attuazione o degli esercizi precedenti sono stralciati, pertanto non sono proposti per la liquidazione entro il 31 dicembre 2016 e, di conseguenza, il saldo finale non può essere pagato.

Gli obiettivi della liquidazione dei conti sono i seguenti:

• liquidare i conti degli organismi pagatori per l’ultimo esercizio di attuazione (16.10.2014-31.12.2015) e determinare l’importo delle spese effettuate in ciascuno Stato membro nello stesso periodo e imputabili al FEASR in base ai conti di cui all’articolo 29 del regolamento di esecuzione (UE) n. 908/2014;

• fornire informazioni sul saldo finale da versare per ciascun programma FEASR 2007-2013 a condizione che i conti siano stati liquidati per l’ultimo esercizio di attuazione e per gli esercizi precedenti.

La decisione riguarda la liquidazione dell’ultimo esercizio di attuazione (16.10.2014-31.12.2015) per il periodo di programmazione 2007-2013 del FEASR. Ma lascia impregiudicata l’adozione di decisioni successive, nell’ambito della procedura di verifica di conformità, intese ad escludere dal finanziamento dell’Unione le spese eseguite in modo non conforme alle norme dell’Unione.

Male anche la Francia cui non sono stati liquidati 7 466 301,22 euro + 890 929 071,93 euro; la Spagna cui non sono stati liquidati 21 998 454,18 euro; la Germania, (4 692 609,96 euro); il Belgio (25 836 280,97 euro); la Bulgaria (che dovrà rinunciare a 788 244 802,16); la Romania ( a cui non verranno liquidati 1 766 846 548,18 euro del RO01: Organismo pagatore per lo sviluppo rurale e la pesca (PARDF). Ma nessuno come l’Italia (1 718 130 019,36 del IT01: Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura + 174 553 404,78 del IT26: Agenzia della regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura.

Qui di seguito Agricolae pubblica in anteprima i documenti europei e la bozza di decisione

BOZZA DECISIONE UE AGRI-2016-80280-00-00-IT-TRA-00

Relazione di sintesi AGRI-2016-80280-02-03-IT-TRA-00-3

Allegato bozza decisione di esecuzione AGRI-2016-80280-01-02-IT-TRA-00