La proposta di legge che prevede la cancellazione dei costi extra per le chiamate e la navigazione internet al di fuori dei confini del proprio paese a partire da giugno 2017 ha passato l’esame della Commissione per l’industria, la ricerca e l’energia (ITRE) del Parlamento Europeo. Questa mattina, gli eurodeputati hanno conferito alla relatrice Miapetra Kumpula-Natri (S&D) un mandato per avviare i negoziati con i governi nazionali.
“La nostra posizione ha un solo obiettivo: offrire agli utenti che si trovano all’estero delle tariffe che riflettono quelle dei paesi in cui vivono. Con la decisione di oggi non sono abbassiamo le tariffe, ma iniziamo un percorso che ci porterà alla realizzazione di una “gigabyte society” consentendo ai mercati di fornire servizi che permettano di scambiare e consumare grossi volumi di informazioni e di dati” ha dichiarato Miapetra Kumpula-Natri dopo il voto.