Federserd va esclusa dall’Osservatorio sul gioco patologico presso il Ministero della salute. E’ quanto ha stabilito oggi il Tar della Lazio che ha accolto il ricorso del Codacons contro il ministero dell'Economia, il ministero della Salute e l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per l'annullamento del decreto interministeriale del 23 luglio 2015 con cui hanno previsto, nella rideterminazione della composizione dell’Osservatorio la designazione di un rappresentante della Federazione italiana degli operatori dei dipartimenti e dei servizi delle dipendenze.

Nella sentenza si legge che “l’Osservatorio deve annoverare al suo interno solo ed esclusivamente associazioni che in modo incontrovertibile, in via concreta e reale, contrastino con il gioco di azzardo patologico e non siano in condizione di conflitto di interessi in quanto finanziati dai concessionari di tali giochi, mentre Federserd riveste interessi economici diretti e mediati con le concessionarie di giochi, che poi dovrebbe contrastare”.