Per il rinnovo dei contratti pubblici ci sarebbero 850 milioni di euro per il 2017. È quanto emerso al tavolo di confronto a Palazzo Vidoni tra il ministro della Funzione pubblica, Marianna Madia, e i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil. Secondo quanto si apprende per le forze dell'ordine ci sarebbero il prossimo anno circa 850-900 milioni di cui 480 per prorogare il bonus degli 80 euro, 100-170 per le assunzioni, 40 per la forestale e 250 per il riordino delle carriere. Il ministro Madia avrebbe precisato che il protocollo sui contratti pubblici varrà per tutti i comparti e, dunque, anche per la scuola. La questione da sciogliere, e che ha portato momentaneamente alla sospensione dell’incontro, riguarda il bonus fiscale degli 80 euro. Attualmente i beneficiari della pubblica amministrazione del bonus sono circa 800mila, di cui 250mila solo nella scuola. In sostanza l'aumento contrattuale potrebbe escludere questi lavoratori dal bonus fiscale. Si sta cercando di superare il problema prendendo come modello i metalmeccanici, affrontando il tema con il welfare contrattuale che dovrebbe agire in caso di scostamento. I sindacati hanno chiesto poi che l'aumento retributivo di 85 euro lordi mensili sia un livello minimo e non medio.