La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha espresso preoccupazione sulle potenziali azioni dell’amministrazione del presidente uscente degli Stati Uniti Barack Obama nei giorni che restano prima che Donald Trump prenda ufficialmente il suo posto alla Casa Bianca. “Ogni giorno leggo notizie da Washington: nuove sanzioni contro la Russia, Manpads ( i sistemi missilistici antiaerei a corto raggio trasportabili a spalla) ceduti a criminali in Siria, azioni completamente senza senso e maliziose su tutti i fronti della politica estera. Dio ha creato il mondo in sette giorni. L’amministrazione di Obama ha due giorni in più per distruggerlo”, ha scritto Zakharova su Facebook. Il 29 dicembre scorso Obama ha imposto sanzioni su cinque aziende russe e sei cittadini russi e ha espulso 35 rappresentanti diplomatici sulle presunte interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali americane. Mosca ha ripetutamente respinto tali accuse ribadendo che la Russia non ha mai aviuto intenzione di interferire nel voto Usa. La nuova amministrazione del presidente eletto Donald Trump s’insedierà ufficialmente il prossimo 20 gennaio.

Russian Foreign Ministry spokeswoman Maria Zakharova expressed concern on Wednesday over the potential actions of outgoing US President Barack Obama's administration in the remaining days before Obama leaves the office. "Everyday I read news from Washington: new sanctions against Russia, supplying thugs in Syria with MANPADS, absolutely senseless and malicious actions on all fronts of the foreign policy. The God created the world in seven days. Obama's administration has two days more than that to destroy it," Zakharova said on Facebook. On December 29, US President Barack Obama imposed sanctions on five Russian entities and six individuals and expelled 35 diplomats over allegations Moscow interfered in the US election. Moscow has repeatedly denied the allegations of hacking and stressed that Russia had no desire to interfere in the US vote. The new US administration will take the office on January 20 after US President-elect Donald Trump is inaugurated.