Dopo la visita di mercoledì dell’ufficio di presidenza nei due comuni laziali maggiormente colpiti dal sisma del 24 agosto, Amatrice e Accumoli, si è svolta oggi la prima seduta della neoistituita Commissione consiliare speciale sul terremoto, presieduta da Pietro Di Paolo (Cuoritaliani). Ad Accumoli, Di Paolo con i vice presidenti Daniele Mitolo (Pd) e Devid Porrello (M5s) hanno incontrato il sindaco Stefano Petrucci. Come ha proposto Di Paolo, “grande spazio verrà dato alle audizioni”, provando “a rafforzare un ruolo di cerniera fra tutti gli enti al lavoro sul cratere del sisma, coordinando una comunicazione organica”, così come richiesto da Petrucci. Per Di Paolo occorrerà anche capire quanto la Commissione potrà incidere sul recente decreto legge approvatodal Consiglio dei ministri visto che il precedente ha allargato i Comuni all’interno del sisma “in maniera importante” e “se questo allargamento può avere un senso o va a distrarre risorse” dai Comuni più colpiti. Una disposizione “che si manifesta in tutta la sua criticità”, ad esempio nella possibilità di prevedere l’esenzione dal pagamento della tassa automobilistica almeno per l’anno in corso, come sollecitato da Petrucci.

“Penso che ognuno di noi è approdato in questa commissione con tante aspettative e richieste da parte di associazioni e cittadini del territorio – ha detto Olimpia Tarzia (Lista Storace) -. Non faremo “pellegrinaggi” ma è importante ascoltare la loro voce diretta nei luoghi istituzionali”. Per Enrico Panunzi (Pd), quello della commissione dovrà essere “un percorso da fare con discrezione, stile asciutto, lontano dai riflettori ma dando la giusta comunicazione”, e “concentrandosi sulle priorità”, in primis, la rapidità degli interventi.

“C’è una mole di informazioni da assumere”, ha sostenuto Francesco Storace (La Destra), che ha chiesto di audire il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio e il commissario straordinario del governo, Vasco Errani”, suggerendo al contempo la possibilità di tenere in loco alcune sedute della Commissione per le audizioni con i territori. Poiché tra i compiti della Commissione c’è quello di elaborare proposte legislative e amministrative, Storace ha ricordato che è stata depositata la proposta di legge in materia di riduzione del rischio sismico e di ricostruzione dei comuni colpiti dal sisma di cui è primo firmatario. La commissione tornerà a riunirsi lunedì 20 febbraio e nel frattempo verrà stilata una proposta di audizioni, fra l’ampia lista presentata da Fratelli d’Italia e altre richieste da altri consiglieri.