“Nessuno può negare che oggi siamo in guerra, una terza guerra mondiale ‘a pezzetti’. Bisogna abbassare i toni e parlare meno e ascoltare di più. Ci sono molte medicine per la violenza ma prima di discutere occorre dialogare” anche se “la pensi diversamente”. “Il dialogo avvicina le persone, i cuori” si crea “amicizia sociale”. Lo ha detto Papa Francesco parlando durante la visita all’università di Roma Tre. “Le università di elite sono le cosiddette università ‘ideologiche’ che ti insegnano una linea di pensiero, per essere un agente di questo pensiero. Quella non è un’università. Dove non c’è dialogo ascolto, confronto, rispetto per come la pensa l’altro non c’è università”, ha detto il Pontefice, puntando l’indice anche contro la politica: “Si è abbassata tanto, non solo qui ma in tutto il mondo”.