Nelle prime ore della mattinata odierna personale della Polizia di Stato di Catanzaro con l’ausilio di equipaggi del reparto prevenzione crimine ‘Calabria Centrale’ di Vibo Valentia, nell’ambito dell’operazione ‘The Jackal’, ha eseguito 6 misure cautelari a carico di pregiudicati catanzaresi ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di furto aggravato, porto e detenzione di armi, ricettazione, riciclaggio ed estorsione. Si tratta di Alessandro Bevilacqua (32 anni), Stefano Bevilacqua (30 anni), Elio Pirroncello (25 anni), Francesco Martino (47 anni), Antonio Passalacqua (44 anni) e Annunziata Passalacqua (51 anni). Le attivita' investigative condotte dalla Squadra mobile, coordinate dal procuratore aggiunto Giovanni Bombardieri e dal pm Vito Valerio, con la supervisione del procuratore capo Nicola Gratteri, hanno consentito di accertare l’esistenza di un gruppo di soggetti che si sono resi responsabili della consumazione di delitti in materia di armi, nonché di furti di ogni specie di beni, con particolare predilezione per le autovetture, destinate ad essere oggetto e strumento di pretese estorsive.