Finisce dopo poco più di tre anni l’esperienza di Ncd, nasce un nuovo soggetto politico: Alternativa Popolare. E’ quanto ha stabilito a Roma all’unanimità l'Assemblea nazionale del Nuovo centro destra. "Oggi voltiamo pagina ma non cambiamo ideali”, ha detto il leader Angelino Alfano che ha poi presentato il simbolo della nuova forza: la scritta “Alternativa popolare” su sfondo blu, con un cuore tratteggiato di colore giallo e lo slogan “Il coraggio di costruire. Insieme”. “Siamo alternativi a chi dice solo vaffa, a chi ha in mente le ruspe e vuole lasciare l'Europa, a chi alimenta odio e rancore, a chi urla e dice no, a chi confonde la giustizia con il giustizialismo, a chi finge di difendere i lavoratori”, ha sottolineato Alfano che ha aggiunto: “Saremo il voto utile all'Italia perché siamo portatori di un programma chiaro".

Alfano ha poi spiegato la collocazione di Alternativa popolare. “Forza Italia ha deciso di allearsi con i lepenisti. Noi invece siamo collocati nell'area popolare, ma non viriamo a sinistra perché siamo nel popolarismo europeo che è una forza alternativa alla sinistra. C'e' una incompatibilità tra l'area liberalpopolare e il dissenso verso l'Europa rappresentato dai lepenisti e da M5S. Questo ha reso impossibile la missione di costruire un centrodestra nuovo". Alfano ha infine illustrato il percorso che intraprenderà la nuova forza politica. “Primarie sia per scegliere il premier, sia i singoli parlamentari. In questo modo ci sarà un rilancio della partecipazione democratica". E nell’auspicare un "incontro tra chi la pensa allo stesso modo pur trovandosi in posti diversi", il leader centrista ha chiarito: "Devono esserci tre regole: chi vince guida e fa il leader; chi perde deve poter stare dentro il partito e, terzo punto, le primarie".