Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio ha preso parte - questa mattina, presso la Stazione Marittima di Napoli - alla prima iniziativa pubblica di discussione sul Piano Operativo Triennale 2017-2019 dei porti di Napoli, Salerno e Castellammare di Stabia, improntato ad una logica che individua e focalizza innanzitutto lo scenario delle azioni realizzabili entro il periodo di riferimento del piano stesso, per portare a compimento risultati di adeguamento infrastrutturale già pianificati. Al dibattito presente il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. "Credo che si siano delineate condizioni importanti per rilanciare la portualità, la principale industria che abbiamo nella Regione Campania - ha dichiarato il Presidente De Luca - Se avremo l'intelligenza di organizzarci, di pensare non a domani ma da qui a 5/10 anni quello che sarà il sistema globale della mobilità delle merci, potremo aprirci davvero una prospettiva di grandissimo interesse nella movimentazione merci, nel traffico Ro-Ro, nel traffico crocieristico. La sfida è nelle nostre mani a condizione che ci convinciamo che la realtà la cambia la capacità amministrativa e progettuale, non le parole". A chiudere i lavori il Ministro Graziano Delrio che ha inquadrato i programmi di sviluppo dei porti campani nelle politiche nazionali e nello scenario internazionale: "Napoli apre la strada anticipando le altre autorità portuali con un ottimo piano di sviluppo - ha dichiarato il Ministro Delrio - Già un anno fa avevo detto che il Porto di Napoli sarebbe diventato un porto importantissimo nel panorama italiano e i dati lo confermano. Il Porto - ha così concluso Delrio - può diventare davvero occasione di sviluppo e di occupazione come deve essere. Abbiamo bisogno di essere tutti ingaggiati in questa avventura che l'Italia vede iniziare a Napoli, la più veloce a presentare il piano".