“Il Presidente De Luca ha sottoscritto nei giorni scorsi alla presenza del ministro De Vincenti un protocollo d'intesa con le organizzazioni sindacali. Siamo i primi in Italia e ne andiamo fieri perchè la Campania ha stabilito un tavolo permanente per un confronto stabile con le organizzazioni dei lavoratori sui temi dello sviluppo e dell'occupazione”. Così L'assessore alle Attività produttive Amedeo Lepore presente all'incontro organizzato dalla FIOM – CGIL “La Fiom in FCA-Contrattare il domani “, che ha visto la presenza dei segretari generali Camusso e Landini. “La crisi che ha toccato la nostra Regione – ha continuato Lepore - è seria, grave, che nonostante gli sforzi fatti dall'Amministrazione Regionale in due anni e nonostante abbiamo recuperato due punti percentuali di prodotto interno lordo, richiede ancora un grande impegno per invertire la rotta e creare una svolta per la nostra economia produttiva . Abbiamo costruito una politica industriale, che muovendosi nell'ambito di una strategia nazionale, riesce ad allargare le condizioni di sviluppo della nostra Regione , a partire dal Patto per la Campania. L'Amministrazione De Luca sta portando avanti una politica per fattori che guarda alle imprese e ai lavoratori, incentrata su tre elementi fondamentali: sgravi fiscali, incentivi e leggi regionali come ad esempio quelle per la semplificazione, l'Industria 4.0 e l'economia circolare. Pensiamo anche ad un piano straordinario per l'occupazione, pensato dal Presidente, perchè nonostante il grande dispiegamento di forze e di risorse messe in campo dalla Regione, il riavvio dello sviluppo e dell'occupazione richiederà tempi sicuramente non brevi, e non possiamo permetterci di lasciare nessun lavoratore per strada ”. L'assessore Lepore infine, entrando nel merito della presenza dell'automotive e della Fca in Campania: “ si deve lavorare intensamente – ha poi concluso - per consentire al settore di svilupparsi ulteriormente, di avere una prospettiva industriale per il territorio, di riportare la piena occupazione uscendo dai contratti di solidarietà con nuove linee di produzione di eccellenza a Pomigliano, di rilanciare il Centro di Ricerca Elasys che deve essere indirizzato verso una prospettiva di crescita industriale. La Campania è pronta a realizzare la progettazione e la sperimentazione, sul proprio territorio, dell'auto del futuro”.