L’opposizione degli Stati Uniti e dei suoi alleati all'invio di esperti sul sito in cui si è verificato l’incidente per l’uso di armi chimiche nella provincia siriana di Idlib è allarmante. Così il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov. “Indubbiamente le azioni degli Stati Uniti e dei suoi alleati occidentali, che hanno bloccato l’invio di ispettori per stabilire la verità sul luogo dell'incidente, sono molto inquietanti” ha detto Lavrov sostenendo poi che queste azioni indicano “il tentativo di trovare una scusa per non conformarsi alla risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sull'insediamento politico e per spostare l'attenzione della comunità mondiale in modo da creare i prerequisiti per un cambio di regime”.

The United States' and its allies' opposition to sending experts to the reported April 4 chemical weapons incident site in the Syrian province of Idlib is alarming, Russian Foreign Minister Sergey Lavrov said Friday. "Undoubtedly, the actions of the US and its Western allies, which blocked sending inspectors to establish the truth at the site of the incident with the use of chemicals, are very disturbing," Lavrov said. He argued their actions indicate "an attempt to find an excuse not to comply with the UN Security Council resolution on political settlement and to shift the attention of the world community to creating prerequisites for a regime change course."