Si indaga sui motivi che hanno spinto ieri sera un giovane italo-tunisino ad aggredire a coltellate due militari dell'Esercito e un agente della polizia ferroviaria. Gli agenti gli hanno chiesto i documenti e lui ha subito estratto il coltello. In passato era già stato arrestato per droga. Non era nell’elenco dei soggetti a rischio terrorismo, ma si sospetta che negli ultimi mesi stesse vivendo un periodo di radicalizzazione. Sul suo profilo Facebook avrebbe postato un video inneggiante all'Isis. Sulla vicenda è al lavoro anche un pm del pool dell'Antiterrorismo milanese.