La Guardia di finanza della tenenza di Soverato hanno scoperto 221 persone, che, attraverso la presentazione di autocertificazioni riportanti dati non veritieri, hanno indebitamente usufruito di prestazioni sanitarie e acquisto di medicinali, a carico del servizio sanitario nazionale. L’operazione si inserisce nell’ambito dei controlli disposti dal comando provinciale della Guardia di finanza di Catanzaro nel settore della spesa pubblica. L’attività ispettiva dei finanzieri calabresi, eseguita mediante l’ausilio delle banche dati in uso al corpo, si è articolata attraverso la preliminare acquisizione presso la competente azienda sanitaria provinciale degli elenchi relativi ai soggetti beneficiari di esenzione ticket. Il successivo incrocio dei dati riportati nelle autocertificazioni presentate, con la effettiva situazione reddituale rilevata in capo ad ogni richiedente, ha consentito di individuare indebite esenzioni dal pagamento del ticket sanitario per oltre 50 mila euro. Nei confronti dei soggetti che hanno illegittimamente usufruito dell’esenzione in argomento, oltre ad essere state elevate sanzioni amministrative per oltre 150 mila euro, pari al triplo del contributo evaso, è stata attivata la procedura per il recupero del beneficio indebitamente ottenuto.