È morto a Roma, dopo una lunga malattia, a 90 anni Oscar Mammì. Lo rende noto la famiglia. Esponente di spicco del partito Repubblicano Italiano (è entrato in Parlamento nel lontano 1972) è stato ministro delle Poste e delle Telecomunicazioni dal 1987 al 1991. Viene ricordato, tra l’altro, per aver dato il nome alla seconda legge organica sul sistema radio-Tv. Nel 1990, infatti, fu il primo firmatario di un provvedimento poi ribattezzato Legge Mammì (legge 6 agosto 1990, n. 223). La legge consentì l'ingresso della parola pluralismo in merito all'emittenza privata. Diede l’autorizzazione di avere un proprio direttore di rete ed un telegiornale con relativo direttore responsabile. Inoltre vietò le pubblicità durante i cartoni animati e fissò i limiti massimi di interruzioni pubblicitarie durante i film. La carriera politica di Mammì terminò con la fine della Prima Repubblica negli Anni ’90.