Questione di fiducia presentata al Senato per la conversione in legge della cosiddetta “manovrina”. Lo ha annunciato la ministra per i Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro in Aula. Il voto è atteso per domani. Questa mattina, dopo il via libera della commissione Bilancio di Palazzo Madama senza modifiche sul testo, era cominciata con la relazione di Giorgio Santini (Pd) la discussione generale. Il relatore ha ricordato come il provvedimento rivesta una “particolare importanza nell'attuale fase congiunturale” nonostante “il sentiero sia stretto” e a lui “è affidato l'obiettivo di allargare” il percorso della “crescita e dello sviluppo del Paese”, “in equilibrio tra controllo, miglioramento dei conti e sostegno al cambiamento e alla modernizzazione del Paese, allo scopo di attrezzarlo adeguatamente alle grandi sfide che vive oggi e che lo attendono domani”. L’Aula ha respinto nel corso dell’esame le quattro questioni pregiudiziali illustrate da Forza Italia, Lega, Sinistra Italiana e Idea e la questione sospensiva presentata dalla sola Lega.