L'Assemblea nazionale francese dovrebbe essere almeno parzialmente eletta attraverso un sistema di rappresentanza proporzionale e il numero dei deputati dovrebbe essere ridotto. Lo ha dichiarato il primo ministro Edouard Philippe. "È necessario introdurre, almeno parzialmente, un calcolo proporzionale. Tutti capiscono che è inaccettabile lasciare fuori dal Parlamento partiti rappresentativi di una fetta importante dell’elettorato” ha detto Philippe a TV BFMTV. Con cui ha sottolineato l’esigenza di tagliare il numero dei Parlamentari facendo scendere i seggi da 577 a 450 Il parlamento francese è eletto con metodo maggioritario a doppio turno. Al recente ballottaggio La Republique En Marche, il movimento fondato dal presidente francese Emmanuel Macron, si è aggiudicato 308 seggi su 577. Altri 42 sono andati agli alleati del MoDem, mentre il centro-destra dei Repubblicani  ne ha ottenuto 135.

The French National Assembly should be at least partially elected through a proportional representation system, and the number of members of parliament should be reduced, Prime Minister Edouard Philippe said Tuesday. "A partial introduction of proportional representation is needed. Everybody understands that it is unacceptable to leave strong political currents beyond the wall of the National Assembly," Philippe said while on air of the BFMTV TV channel. The French prime minister also noted that reducing the number of members of parliament, from today’s 577 to about 450, would be a good step. The French parliament is constituted by means of a majoritarian election system, where each voter may choose just one candidate in their constituency. After Sunday’s second round of parliamentary elections, La Republique En Marche party, founded by the current French President Emmanuel Macron, won a decisive majority of 308 seats out of 577. Another 42 mandates were taken by their allies from the Democratic Movement (MoDem) party, while the center-right The Republicans and their allies gathered 135 seats.