“Una norma che non si capisce bene perché bisogna farla valere soltanto per una parte di soggetti consortili e non per tutta la parte mutualistica. Dato che interviene su un caso specifico non va bene”. Così ad AGRICOLAE Stefano Vaccari, senatore Pd, in merito all’articolo 2 del Dl Mezzogiorno che estende la mutualità prevalente ai consorzi agrari nonostante questi siano società a capitale, quindi si dividano gli utili. “Se le norme le dobbiamo fare è giusto che vengano fatte per tutti i soggetti che ne possano beneficiare, non soltanto per qualcuno di particolare”, prosegue. “Si tratta di un emendamento soppressivo dell’intero articolo 2 nella sua prima versione. Nella seconda versione sopprime soltanto il terzo comma dell’articolo stesso”, conclude.