Ankara considera la risoluzione adottata dal Parlamento europeo che invita a sospendere i negoziati sull'adesione della Turchia all'Unione europea unilaterale e politicamente parziale. Lo ha affermato il ministro degli Affari europei Omer Celik. Il Parlamento europeo, in occasione di una sessione plenaria a Strasburgo, ha adottato una risoluzione sulla Turchia, che invita i Paesi dell'Ue e la Commissione europea a sospendere immediatamente i negoziati con l'Ankara sull'adesione del Paese all'Ue, a meno che le autorità turche non apportino adeguate modifiche alla Riforma costituzionale. Un totale di 477 deputati hanno votato a favore della risoluzione non vincolante, 64 sono stati contrari. “La risoluzione del Parlamento europeo non è obiettiva, non la accettiamo perché unilaterale e politicamente pregiudizievole. Siamo sempre pronti ad accettare critiche costruttive, ma respingiamo questa risoluzione” ha detto Celik ai giornalisti.

Turkey considers the resolution adopted by the European Parliament calling to suspend negotiations on Turkey's accession to the European Union one-sided and politically biased, the country's EU Affairs Minister Omer Celik said Thursday. The European Parliament on Thursday at a plenary session in Strasbourg adopted a resolution on Turkey, which calls on the EU countries and the European Commission to immediately suspend negotiations with Ankara on the country's accession to the European Union unless the Turkish authorities make appropriate changes to the constitutional reform. A total of 477 MEPs voted in favor of the non-binding resolution, 64 against. "The European Parliament's resolution is not objective, we do not accept it as one-sided and politically biased. We are always ready to accept constructive criticism, but we return this resolution back," Celik told journalists in Ankara.