Presieduto da Alessandro Fucito, il Consiglio comunale di Napoli ha aperto i suoi lavori alla presenza di 28 consiglieri. Il Sindaco Luigi de Magistris è intervenuto sul tema della devastazione degli incendi nei territori della città, della Città Metropolitana e della Regione, invitando l’Aula a raccogliersi in segno di solidarietà con le comunità e la natura devastata. “Chiedo un minuto di silenzio per la morte di una montagna - ha spiegato -  che per me è come un omicidio. Esprimiamo un sentimento di ferma condanna delle  azioni criminali e di profonda tristezza per la distruzione di un  patrimonio costruito nei secoli - ha aggiunto -  e questo sentimento deve unire tutti. Un ringraziamento va a tutti coloro che in veste professionale o come semplici cittadini hanno cercato in questi giorni, e in ogni modo, di difendere il territorio. Nei prossimi giorni si dovrà approfondire il tema delle responsabilità, perché si ha il diritto di sapere che strategie criminali vi sono e chi sono gli autori. Anche i cittadini, però, hanno il dovere di vigilare perché ieri vi è stato un vero e proprio attacco alla città. Oggi non prevale l'analisi - ha ribadito il primo cittadino partenopeo - , che certo dovrà esserci, ma dire che il Consiglio comunale condanna chi oltraggia la nostra terra. Si deve fare in modo che questa tragedia immane scuota le coscienze e inverta l'ordine delle priorità nella vita di tutti. Oggi - ha concluso de Magistris - ci si raccoglie per la distruzione di una montagna, della natura, ma questo significa, nel tempo, anche distruzione di vite umane”.