La rete diplomatica italiana in Argentina sta sostenendo la promozione del Sistema Paese nella nazione latino americana con una serie di iniziative ad hoc. Ciò soprattutto in previsione di due eventi chiave: una “missione di sistema” dedicata al settore energia che si terrà nel quadro della Ministeriale OMC, a dicembre a Buenos Aires, e una “country presentation” Argentina in Italia, prevista per il primo semestre del 2018. Inoltre, si è tenuto nei giorni scorsi a Bahia Blanca un Foro per la Promozione degli Investimenti nella regione, a cui hanno partecipato sia i principali rappresentanti delle istituzioni locali sia i maggiori gruppi industriali operanti nell’area. Hanno preso parte all’evento - tra gli altri - il segretario per le Relazioni internazionali della Provincia di Buenos Aires, Diego Cagliolo; il sindaco di Bahia Blanca, Hector Gay; il consigliere economico e commerciale dell’ambasciata d’Italia a Buenos Aires, Francesco Capecchi; il console generale a Bahia Blanca, Antonio Petrarulo, e Pablo Piras dell’Agenzia ICE di Buenos Aires. L’area meridionale della provincia bonaerense offre grandi prospettiva di sviluppo: Bahia Blanca è sede del porto più profondo dell’Argentina e ospita un polo petrolchimico, che garantisce il 60% della produzione nazionale nel settore. Inoltre, si sta profilando quale punto strategico per l’energia eolica. La città si appresta infine a diventare lo snodo nevralgico per la produzione, la logista e la distribuzione delle estrazioni di Vaca Muerta. Oltre al Foro sono previste nuove iniziative. Il prossimo marzo si terrà un Workshop a Ushuaia, nella Terra del Fuoco, in materia di energie rinnovabili ed ambiente. L'iniziativa, organizzata da ambasciata e consolato generale italiano a Bahia Blanca, avrà un duplice obiettivo: da un lato incrementare i già solidi rapporti accademici tra Università e centri di ricerca del nostro paese ed argentini. Dall’altro, essere un importante momento di promozione per le imprese italiane, intenzionate a sviluppare nuove tecnologie ed espandere il proprio mercato. Il workshop a Ushuaia ha un valore strategico, in quanto i progressi scientifici che si potrebbero ottenere nelle estreme condizioni climatiche e di latitudine della Provincia più australe dell’Argentina sarebbero poi suscettibili di un’applicazione pratica in realtà con caratteristiche geo-fisiche meno complesse.