L’edizione numero 13 di “Birra e Sound”, festival europeo della birra di Leverano (Lecce), parla la lingua dell’artigianalità. Questa la punta di diamante dell’evento organizzato da Mebimport presso l’area mercatale del comune salentino, ogni anno con la stessa energia ma con spunti diversi. Di volta in volta. Falci, trattori, paglia in testa: è così che inizia il cammino verso la produzione di una birra artigianale con ingredienti semplici, locali e genuini. Dall’orzo coltivato e mietuto fino alla produzione di scure, rosse e bionde d’autore. Alle oltre 200 birre in arrivo da ogni angolo del mondo, dall’1 al 7 agosto prossimo, “Birra e Sound” propone i gioielli locali e di diversi micro birrifici sparsi in Italia, che si sono distinti nel tempo sulle tavole di neofiti e buongustai. A partire dalle birre made in Salento. I gastronauti dell’edizione 2017 infatti, potranno sentire il gusto di Pizzica, Taranta, Beggia ma anche Fresca, Agricola e Tipa, prodotte con orzo salentino cresciuto grazie alle sperimentazioni dell’Università del Salento, a due passi, nelle fucine profumate di BirraSalento, il più grande birrificio artigianale del sud Italia, inaugurato lo scorso 31 marzo.

Una storia d’impresa ma soprattutto di tradizione brassicola cresciuta in parallelo con il sogno di una famiglia, capitanata da Maurizio Zecca, nato da una lettera del lontano 1963, quando Fernando Zecca, padre di Maurizio, scriveva alla famiglia da Fribourg inSvizzera, dove lavorava come operaio in un birrificio. Artigianalità sarà anche quella proposta da L’Olmaia, Baladin e altre aziende protagoniste del Birrarte di Birra e Sound. Uno spazio quotidiano sulla cultura birraia per i dotti signori delle schiume più pregiate ma anche un passaggio, dal mondo della semplice bevuta a quello della degustazione d’autore, per chi intenda comprendere fino in fondo genesi e produzione finale di alcuni dei prodotti più gettonati delle tavole di tutto il mondo.

“Il 7 agosto del 2016 – racconta Maurizio Zecca, patron dell’evento -, emozionati dal soffio sulle 30 candeline di Mebimport, mentre calavano le luci su un’edizione di BeS pregna di novità e sogni nel cassetto, sedevamo sugli scalini della festa, boccale in mano, stanchezza ed energia ben mescolate, sorrisi di chi si sente famiglia. In cantiere, di lì a pochi giorni, l’acquisto di 12 defibrillatori da destinare a strutture del territorio per garantire sicurezza. Perché nel frattempo il nostro evento si è evoluto in Birra e Sound per la Vita, un progetto di solidarietà maturato tra musica e gusto, allo scopo di sensibilizzare giovani e non solo alla qualità del divertimento. In parallelo, nel tramestio di progetti nuovi e cerchi da chiudere, prendeva forma e sostanza il sogno di una vita, il birrificio artigianale Birrasalento, diventato poi avventura, scoperta, paesaggio in movimento, dentro e fuori ognuno di noi. Ed è alla passione di chi crede nel valore di un prodotto di nicchia e di qualità, che dedichiamo questa edizione ”.

Gli appuntamenti con la cultura artigianale, punto di forza dell’edizione 2017 del festival, sono previsti ogni sera dalle 21 per tutta la durata dell’evento, workshop con esperti e mastri birrai e degustazioni guidate nel corner dedicato. “Filo conduttore di Birra e Sound continuerà ad essere la cultura birraia – spiega Maurizio Zecca -, con particolare attenzione alle produzioni artigianali e qualità, declinata attraverso le vie del gusto, dello spettacolo, della voglia di stare insieme”. L’evento sarà trasmesso ogni giorno in streaming sul sito dedicato www.birraesoundfestival.com, sulla pagina Facebook: BirraeSound Mebimport Beer Festival, sull’app gratuita per smartphone, dalle 21 alle 01, dando la possibilità anche a chi è lontano di partecipare all’evento.