L'Unione europea è pronta a "agire in modo appropriato" se i suoi interessi non verranno sufficientemente presi in considerazione nella nuova legge statunitense sulle sanzioni anti-Russia. Lo ha annunciato il presidente della Commissione UE, Jean-Claude Juncker. "L'Unione europea è pienamente impegnata nel regime delle sanzioni russe, ma l'unità del G7 sulle sanzioni e lo stretto coordinamento tra gli alleati sono al centro della garanzia della piena attuazione degli accordi di Minsk: un obiettivo fondamentale che l'UE e gli Stati Uniti condividono. Il disegno di legge americano - ha sottolineato Juncker - potrebbe avere effetti collaterali unilaterali imprevisti, che influenzano gli interessi della sicurezza energetica UE e per questo motivo la Commissione ha concluso oggi che se le nostre preoccupazioni non verranno prese sufficientemente in considerazione, siamo pronti ad agire in modo appropriato entro pochi giorni. America first - ha concluso - non vuol dire che gli interessi dell'Europa arrivino per ultimi. La Commissione continuerà a seguire da vicino il processo legislativo in corso negli Stati Uniti e la successiva attuazione del disegno di legge e agirà rapidamente se e quando necessario"..

The European Union is ready to "act appropriately" should its interests not be taken into account sufficiently in the new US bill on anti-Russia sanctions, European Commission President Jean-Claude Juncker said Wednesday. "The EU is fully committed to the Russia sanctions regime. However, G7 unity on sanctions and close coordination among allies are at the heart of ensuring the full implementation of the Minsk Agreements. This is a core objective that the EU and the US share. The US Bill could have unintended unilateral effects that impact the EU's energy security interests. This is why the Commission concluded today that if our concerns are not taken into account sufficiently, we stand ready to act appropriately within a matter of days. America first cannot mean that Europe's interests come last," Juncker said, as quoted by the European Commission. According to the European Commission, the bloc is currently raising its concerns on the issue with the United States and its counterparts. "The Commission will continue to closely monitor the on-going legislative process in the US and the subsequent implementation of the Bill and will act swiftly if and when needed," the commission said.