Entra in vigore sabato 5 agosto l'ordinanza firmata dal sindaco di Livorno Filippo Nogarin per contrastare il gioco d'azzardo patologico. L'ordinanza stabilisce nuovi orari di apertura ed esercizio delle sale da gioco autorizzate e di funzionamento delle macchinette: dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 23 di tutti i giorni, compresi i festivi;Tutte gli esercizi, oltre ad attenersi agli orari stabiliti nell'ordinanza, dovranno esporre all'interno del locale l'indicazione dell'orario di apertura o il funzionamento delle macchinette e un formulario di avvertimenti sul rischio della dipendenza collegato alla pratica del gioco, pena sanzioni amministrative pecuniarie che vanno dai 25 ai 500 euro. “La ludopatia è una vera e propria malattia che sta assumendo sempre di più le dimensioni di una nuova e grave emergenza, distruggendo famiglie intere e mettendo a repentaglio la vita delle persone, senza contare le implicazioni e i costi sociali - così il sindaco Nogarin sul sito del Comune di Livorno – In mancanza di una normativa specifica su questo tema e di risorse finanziarie dedicate per iniziative sistematiche di prevenzione e recupero, abbiamo individuato queste misure funzionali a contrastare il rischio della dipendenza a tutela dell'integrità psicofisica delle categorie più deboli, in particolare i giovani”. “Qualche mese fa avevamo messo appunto un regolamento ad hoc per contrastare l'indiscriminato proliferare di sale giochi e di slot in alcuni esercizi pubblici, purtroppo bocciato dal Tar. Questa ordinanza - conclude il sindaco – è quindi la dimostrazione che non ci lasceremo fermare e che saremo intransigenti verso un fenomeno di proporzioni devastanti verso cui una Pubblica Amministrazione ha tutto il dovere di utilizzare ogni mezzo di contrasto possibile”.