Maxi sequestro di droga a Roma. Negli scorsi giorni, i finanzieri del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Roma hanno arrestato in flagranza di reato cinque persone , di nazionalità italiana e francese, tutte coinvolte, a vario titolo, nel trasporto di un ingente quantitativo di hashish, pari ad oltre 250 chili . Il sequestro è scattato a seguito di un controllo su un autoarticolato frigo con targa lettone , fermo nel quartiere Magliana della Capitale. Dopo aver osservato a lungo il comportamento sospetto dell’autista, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria sono intervenuti quando il mezzo è stato raggiunto da altre quattro persone, sopraggiunte a bordo di due autovetture, che sembravano intente a prendere accordi con l’autista del camion e quindi procedere allo scarico della merce. Alla richiesta di chiarire la natura del carico trasportato e di esibire la documentazione commerciale di supporto, l’autista del tir – un cittadino francese, residente in Spagna – dava, immediatamente, evidenti segnali di nervosismo, mentre gli altri soggetti, nel frattempo accortisi dell’attività di controllo, tentavano di dileguarsi con le rispettive auto. A quel punto, tutti i soggetti venivano bloccati.

Dalla lettura della documentazione commerciale emergeva la natura della merce trasportata, costituita da prodotti alimentari surgelati (verdure), provenienti dalla Spagna e diretti ad una società all’ingrosso della Capitale , successivamente rivelatasi completamente ignara della spedizione. In verità, durante la perquisizione, le Fiamme Gialle del G.I.C.O. rinvenivano, abilmente occultata all’interno delle medesime confezioni dei prodotti surgelati, un’ingente partita di sostanza stupefacente, ammontante ad oltre 250 chilogrammi di hashish . La droga e l’autoarticolato sono stati quindi sequestrati, mentre le cinque persone – in stato di arresto – sono state condotte presso il carcere di Regina Coeli. Se il corriere francese risulta sconosciuto ad attività delinquenziali in Italia, i quattro soggetti italiani che attendevano il carico illecito sono, invece, ben noti alle cronache capitoline. Radicati nel municipio di Ostia, vantano tutti precedenti specifici in materia di stupefacenti, anche nella forma associativa.