Il 7 agosto 2017 i militari del Noe di Caserta insieme al comando della stazione dei carabinieri di Grazzanise, con l'ausilio del personale tecnico dell'Arpac e dei Vigili del Fuoco del comando provinciale di Caserta, sotto la direzione della procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, hanno eseguito l'attività di scavo in un terreno del Comune di Santa Maria La Fossa, già oggetto di sequestro da parte la polizia locale. L'attività di scavo si è resa necessaria per verificare la presenza di rifiuti interrati, vista la formazione spontanea di 'fumarole' dopo un incendio di sterpaglie domato nei giorni precedenti. Una serie di analisi eseguite dall'Arpa Campania avevano evidenziato la presenza oltre i limiti consentiti, di composti organici volatili del tipo benzene. Gli scavi hanno permesso di portare alla luce un ingente quantitativo di rifiuti speciali, derivanti dall'attività di produzione nel settore calzaturiero e della raccolta degli abiti usati. Gli accertamenti sono in corso per ricostruire i quantitativi la qualità e l'origine di rifiuti interrati, e individuare gli autori di chi li ha sotterrati.