E’ arrivato oggi il fermo per un’altra persona nell’ambito dell’omicidio di Vincenzo Ruggiero, il giovane napoletano di 25 anni, il cui corpo è stato trovato a pezzi nel quartiere di Ponticelli, a Napoli. Dopo il fermo e poi il carcere per Ciro guarente, il pm della procura della Repubblica di Napoli nord, ha emesso un provvedimento di fermo nei confronti di Francesco De Turris, di 51 anni, napoletano, residente nel quartiere Ponticelli, con l’accusa di concorso nell'omicidio di Ruggiero, detenzione, porto e cessione abusiva di armi. Il provvedimento, eseguito dai carabinieri del reparto di Aversa (CE), scaturisce da rilevanti sviluppi delle indagini - scrive il procuratore Francesco Greco - condotte dopo il fermo di Guarente ed in seguito al ritrovamento del cadavere a Ponticelli. Oggi il gip presso il tribunale di Napoli nord ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di D. T. F., napoletano, classe 1966, il cui ruolo nella vicenda ha avuto elementi di riscontro a seguito dell'interrogatorio investigativo a cui il pm sottoposto Guarente nella giornata di ieri.